Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione.
Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi.
WebCam cammino
CRTVG

-
- León (RTVCyl.es)
- Burgos (RTVCyl.es)
 
Non sempre le WebCam sono attive e funzionanti. Alcune sono "live" altre hanno tempi di risposta variabili.

Nelle ultime 24 ore sono arrivati a Santiago:
fare Refresh della videata o F5
Il cammino di Santiago - Pellegrini Belluno

camminare in Italia "la via degli Dei"

Santiago è l'inizio del "MalDelCammino" ... poi ci si immerge nei tanti cammini di casa nostra.

Roberto Malacarne (BL)

SERATE, EVENTI, MANIFESTAZIONI - clicca qui --->>>
dove e quando si parla e si è parlato di cammini.
Scatti pellegrini
Le vostre foto in cammino
clicca sulla raccolta >>>

(visione condivisa tramite Google foto,
Per PC, tablet e smartphone)

Buona visione

Le foto pubblicate possono essere utilizzate, per scopi divulgativi senza fini di lucro.

inviate le vostre foto a: info@pellegrinibelluno.it
la colonna
delle novità
15/9/2021
Pistoia in cammino. Mostra fotografica, video documentario, incontri, eventi, visite guidate. Un mese di manifestazioni dal 18 settembre al 17 ottobre per l'anno Santo Iacobeo.
>> clicca qui
-
10/9/2021
I numeri d'agosto. La tendenza va sempre verso l'alto. 43.575 il totale(+119,9% rispetto stesso mese 2020), italiani 2.404 (+99,8%). Dall'inizio anno, le donne sono 49.528, gli uomini 48.421. >> clicca qui
-
29/8/2021
Le preziose testimonianze dei cammini di Pino Toniolo (VI) quando fare il cammino era una avventura da pionieri. Correvano gli anni 1989 e 1993 ...
>> clicca qui
-
1/8/2021
Regole Covid19. - A Santiago per accedere all'interno di un locale pubblico viene chiesta la certificazione tipo GreenPass.
>> clicca qui
-
info in .... cammino

info direttamente dal fronte "cammino francese"

SEGNALAZIONI DAI PELLEGRINI IN CAMMINO

 

  • 24/08 - Salve, Sono un pellegrino del cammino francese. Per la sesta volta ho compiuto il mio cammino quest'anno tra luglio e agosto. Era la terza volta da Saint Jean Pied de Port. Eravamo io e mio nipote di 18 anni. Il nostro cammino è stato molto bello e intenso, vissuto per motivi spirituali e religiosi come sempre (la gioia del cammino, la penitenza, la povertà e la libertà, la preghiera). Arrivati però agli ultimi 100km, complici le restrizioni della pandemia, siamo stati travolti dalla grande massa di turisti che poco hanno da spartire con i pellegrini. È stato così veramente difficile vivere serenamente gli arrivi per trovare posto (tutto era letteralmente invaso, compresi gli spartani albergue municipal e parroquial, ovvero quelli che utilizzo per questioni di stile da pellegrino. L'arrivo poi a Santiago un'esperienza quest'anno con tanti problemi. Tutto esaurito anche lì, la cattedrale presa d'assalto dai turisti con la porta santa del giubileo disertata, ma in cambio la cattedrale invasa e poi abbandonata dalla maggior parte dei presenti al momento della messa del pellegrino. Così i pellegrini rimangono fuori... E poi i vari Codici QR... Ho fatto notare queste cose al capitolo e ho avuto una pronta risposta. Questo mi ha fatto molto piacere. Io non smetterò di camminare ogni anno verso Santiago, ma spero un giorno di poter gustare di nuovo l'arrivo umile e sereno negli ultimi 100 km, in cattedrale e di poter varcare la soglia attraverso il portico della gloria con il mio zaino. Per ora mi pare solo importante condividere un'esperienza non del tutto serena, anche per sapere se sono solo io ad essere stato colpito da questo, oppure se anche altri hanno vissuto così il cammino quest'anno. Però voglio ribadire che questi imprevisti o questi disagi non hanno compromesso il significato e l'attrazione che questo cammino continua ad esercitare su di me. Un caro saluto, Giuseppe L.

  • 18/08 - O Cebreiro: l'albergue non accoglie più di 31 pellegrini. Non c'è possibilità di prenotare. Non viene accolto chi pensa di iniziare il cammino direttamente da li. Non vengono ospitati i pellegrini in bici. Considerato che le altre accoglienze private in loco sono poche, so per certo di gente che ha dormito all'aperto o in situazione "abusive". Insomma una situazione di grande disagio. Alessandro B.

___________________________________________

La situazione di quest'anno è segnata ovviamente dai limiti dettati dal Covid. Non tutte le strutture sono aperte e anche quelle aperte hanno una capacità di accoglienza inferiore al loro potenziale, quindi numeri ridotti di posti letto. (Guide ed elenco degli Albergues pubblicate dal sito sono allineate per quanto riguarda aperture/chiusure).
La maggior parte delle accoglienze forniscono lenzuola e copri-cuscino monouso.
Da St. Jean fino a León non c'è molto affollamento di pellegrini e il più delle volte si può trovare posto anche senza prenotare che comunque è consigliato fare soprattutto nelle tappe "canoniche" (Roncisvalle, Pamplona, Logrono, Burgos, Hontanas ecc. ).
Non ci sono problemi per trovare da mangiare o dove andare a mangiare. Non tutti gli Albergues comunque mettono a disposizione la cucina ai pellegrini, magari preparano loro la cena comunitaria.
Anche la Spagna si sta orientando verso l'uso del Green Pass che quindi diventa un documento molto utile per entrare all'interno di bar e ristoranti ... un po' come la credencial, per alloggiare negli albergues.
Da León l'atmosfera cambia; l'affluenza di pellegrini è maggiore e la prenotazione diventa ultra neccessaria tenendo conto però, che gli Albergues municipali o parrocchiali non tutti la accettano. Da Sarria in poi il problema è ancora più marcato per il grande afflusso di pellegrini, spagnoli in particolare. E' consigliato pernottare in località intermedie dove si possa trovare un Albergue aperto e facendo comunque la prenotazione almeno il giorno prima, per maggiore tranquillità.
A Santiago per entrare all'interno dei locali pubblici (bar, ristoranti) viene richiesta una documentazione tipo Green Pass.
Ci sono poi difficoltà per il viaggio di rientro con i mezzi di trasporto.
Passerà l'era del Covid !!!! ... e ce la ricorderemo!

BUEN CAMINO SIEMPRE

a Santiago per poter entrare nella parte interna di un locale (bar, ristorante) viene richiesta la documentazione tipo "Green Pass"
avvisi affissi nelle vetrine di locali pubblici

Il futuro del cammino post-Covid:
ostelli più piccoli, servizi migliori e prezzi più alti

Di Joan Fiol

E' finito lo stato di allarme e, con esso, la maggior parte delle restrizioni alla mobilità in Spagna: Se tutto evolve come previsto, siamo al giorno 1 del Camino de Santiago post-Covid.
Ha ragione comunque, chi dice che "il Covid non è finito" e che per mesi "dovremo continuare con le precauzioni", ma da circa 20 o 25 giorni c'è qualcosa che ha segnato una svolta di 180 gradi: l'approccio, lo stato d'animo del pellegrino e lo si percepisce chiaramente dalle prenotazioni (
ndr ... cosa non concepibile fino a qualche anno fa).
Una cosa è certa: la pandemia ha condannato i rifugi di massa. Forse sarebbero sopravvissuti per altri 10 anni o 15 ... alcuni anche 20, fermi, statici come l'ultimo dei Moicani ... ma il virus li ha uccisi prima del tempo.
La tendenza è chiara e sarà: ostelli con minore capienza, con più spazio per i pellegrini, preferenza per i letti bassi, con servizi migliori e magari con un livello gastronomico migliore ... e con un prezzo più alto. Lascio al mio buon amico Antón Pombo un futuro articolo su "Quanto costa davvero passare la notte in ostello?", lui ne sa più di me di questo... ma prevedo già che a 10€ non ce la faranno, se poi devono pagare affitto o mutuo, Previdenza Sociale, Irpef, assicurazioni, IVA, luce/gas/acqua, pulizie, manutenzioni e imprevisti ... e alla fine che anche l'hospitalero possa mangiare e vestirsi.
E che dire dei tradizionali rifugi a donativo? Se prima potevano sostenersi con le donazioni di 20 pellegrini, ora devono farlo con le donazioni di 12 pellegrini. Speriamo che ognuno prenda coscienza, e che i pellegrini con una buona situazione economica (e sono tanti ...) compensino quelli che hanno poco o niente.
E come pellegrini, come persone, d'ora in poi saremo diversi?
Di sicuro ci siamo resi conto tutti, che il mondo non è così sicuro come pensavamo - non lo è mai stato - che l'impossibile non esiste. Le nostre generazioni sono state fortunate per non aver subito una guerra, cosa insolita per chi conosce un po' di storia ... e non è poco!
Buen camino

>>> leggi articolo originale <<<

Le guide di pellegrinibelluno.it (edizione 2021)

E' stato fatto un aggiornamento delle guide, in particolare delle accoglienze, con informazioni prese dal sito spagnolo gronze.com. L'aggiornamento è alla data 08/05/2021. Essendo tutto comunque in movimento ci saranno ulteriori revisioni prossime venture.
Tutti e quattro gli opuscoletti sono aggiornati.
Oriano

scarica le guide: >>>


Questo sito non ha fini di lucro e non fa uso di cookie di profilazione, ma è possiblile che utilizzi dei cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi. I cookie sono minuscoli file che, a seconda del sito che si sta visitando, vengono memorizzati nel proprio computer dal programma di navigazione internet che si sta utilizzando (Chrome, FireFox, Internet Explorer, ecc.) e vi rimangono per un periodo di tempo indefinito. Ci˛ permette di salvare le impostazioni e preferenze e di conseguenza ricordare i dati di login per facilitare la ricerca. I cookie per˛, a tutela della propria PRIVACY, si possono cancellare e/o disabilitare seguendo le informazioni inserite nelle funzioni avanzate del programma (browser) utilizzato per navigare e fare le ricerche in internet. Tutti i loghi, nomi e marchi commerciali e le immagini riprodotte in questo sito sono dei rispettivi proprietari
> webmaster: Oriano Rinaldo - www.pellegrinibelluno.it <

web counter