Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione.                 
Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi.        
WebCam cammino
CRTVG

- Praza da Quintana
-
- Portomarín
-
-
- León (Cyltv.es)
- Burgos (Cyltv.es)
 
Non sempre le WebCam sono attive e funzionanti. Alcune sono "live" altre hanno tempi di risposta variabili.

Nelle ultime 24 ore sono arrivati a Santiago:
fare Refresh della videata o F5
storia1
Com'è nato il cammino ... tra storia e leggenda



clicca per vedere il filmato

Giacomo fratello di Giovanni evangelista,
era uno dei dodici apostoli di Gesù. >>>

Compiutasi la vita terrena di Gesù, dando seguito al mandato ricevuto, gli apostoli iniziarono a girare il mondo per portare la parola di Cristo.
<<<
Fu così che Giacomo si dedicò all'evangelizazione della penisola Iberica arrivando dall'Andalusia fino alla remota e celtica Galizia.
<<<

  Dopo alcuni anni tornò in Palestina.
In quel tempo in terra di Palestina regnava
re Erode Agrippa che stava conducendo
una campagna persecutoria nei confronti dei cristiani. Quando seppe dell'arrivo di Giacomo, lo fece prigioniero e lo decapitò.

I suoi discepoli, Teodoro e Attanasio, rubarono il corpo e con una barca lo riportarono nelle terre della sua predicazione. Sbarcarono nelle vicinanze di Finisterre.

 
  Risalirono il fiume e con l'aiuto di un carro trascinato da tori, arrivarono in un luogo dove diedero degna sepoltura al loro maestro.

Passarono i secoli durante i quali, anche a causa di persecuzioni e proibizioni di visitare il luogo, la tomba venne dimenticata e se ne persero le traccie. Intanto all'inizio dell'VIII secolo i mussulmani invasero la penisola Iberica conquistandola quasi tutta in nome di Allah e minacciando il resto d'Europa.
 

 
Accadde nell'813, che un eremita di nome Pelayo, per più notti di seguito, notò su di un colle, strane luci che sembravano stelle cadenti. Una notte gli apparve in sogno San Giacomo che disse: "là dove c'è quella pioggia di stelle, troverai la mia tomba".
L'eremita si recò sul luogo, scavò e portò alla luce un'urna di pietra nella quale c'erano i resti di un uomo decapitato.
Venne informato il vescovo del luogo, Teodomiro, che riconobbe la veridicità del ritrovamento e diede così la notizia
al papa Leone III, al re delle Asturie
Alfonso II e all'imperatore Carlo Magno.
 


  Sul luogo del ritrovamento venne costruita una prima chiesa ....
.... intorno alla quale cominciò a svilupparsi un piccolo borgo. Sono gli albori di Santiago (San Giacomo in Spagnolo) de Compostela (Campus stelae) la terza città santa della cristianità dopo Roma e Gerusalemme.
 
Da allora cominciarono a prodursi i primi pellegrinaggi. Dapprima dalle località limitrofe e poi via via da tutta l'Europa Cristiana. A partire dal XII secolo, il cammino di Santiago diventò il pellegrinaggio più importante e frequentato della cristianità. Lungo il cammino si svilupparono una rete di servizi per il sostentamento del pellegrino, chiese, monasteri, alloggi, ospizi, ospedali, locande, molte delle quali ancora visibili ai nostri giorni. Lungo il percorso nacquero paesi e città, furono costruite strade, ponti. Della protezione dei pellegrini si occuparono per un lungo periodo gli ordini ospitaleri: tra di essi principalmente i Templari. Il cammino conobbe un forte declino a partire dal XVIII secolo e molte delle infrastrutture caddero in disuso. La ripresa iniziò negli anni '80 dopo la visita di papa Giovanni Paolo II. Da allora ci fu un forte e continuo crescendo fino a raggiungere le decine di migliaia di pellegrini ogni anno. Dal 1993 il cammino di Santiago è considerato dall'UNESCO, PATRIMONIO DELL'UMANITA'.

 

 


Questo sito non ha fini di lucro e non fa uso di cookie di profilazione, ma è possiblile che utilizzi dei cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi. I cookie sono minuscoli file che, a seconda del sito che si sta visitando, vengono memorizzati nel proprio computer dal programma di navigazione internet che si sta utilizzando (Chrome, FireFox, Internet Explorer, ecc.) e vi rimangono per un periodo di tempo indefinito. Ci˛ permette di salvare le impostazioni e preferenze e di conseguenza ricordare i dati di login per facilitare la ricerca. I cookie per˛, a tutela della propria PRIVACY, si possono cancellare e/o disabilitare seguendo le informazioni inserite nelle funzioni avanzate del programma (browser) utilizzato per navigare e fare le ricerche in internet. Tutti i loghi, nomi e marchi commerciali e le immagini riprodotte in questo sito sono dei rispettivi proprietari
> webmaster: Oriano Rinaldo - www.pellegrinibelluno.it <