Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione.
Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi.
WebCam cammino
CRTVG

-
- León (RTVCyl.es)
- Burgos (RTVCyl.es)
 
Non sempre le WebCam sono attive e funzionanti. Alcune sono "live" altre hanno tempi di risposta variabili.

Nelle ultime 24 ore sono arrivati a Santiago:
fare Refresh della videata o F5
stelediRolando

El Fuego de San Antón y los monjes antonianos (il fuoco di San Antonio e i monaci Antoniani)

Vicino a Castrojeritz si trovano le maestose rovine del monastero di San Antón. Fu sede in antichità dell'ordine dei frati Antoniani che si dedicavano al ricovero e alla cura degli ammalati del "fuego de San Antón", cosi chiamato per la sensazione di bruciore interno che prendeva chi ne era affetto e che poteva in certi casi, sfociare in processi di cancrena alle estremità.
Questo ordine monastico, come succedeva per altri ordini, era avvolto da un alone di mistero e misticismo perchè, offriva riparo e ricovero esclusivamente a questi malati. Agli altri pellegrini infatti che transitavano da quelle parti, affinchè potessero proseguire il cammino, veniva dato loro solo del cibo che veniva calato con un verricello. I resti di questo verricello sono ancora visibili tra le impressionanti rovine del monastero. In questo luogo venivano curati gli infermi ed in cambio dell'ospitalità, essi offrivano della legna. Quando la malattia era molto grave in alcuni casi estremi, i monaci dovevano procedere anche all'amputazioni degli arti in cancrena. Succedeva quindi che chi guariva senza problemi di questo tipo offrisse ex voto, di legno o cera, che riproducevano le estremità guarite ........ il che fece diffondere la cattiva nomea, che i monaci esibissero le membra amputate dei poveri ammalati. Oggi si presume che tale malattia fosse causata da un parassita presente nella segala. Nel nord Europa, dove il pane di segala era un alimento fondamentale, la malattia era molto diffusa. I pellegrini ammalati che entravano in Spagna, dove non si consumava tale alimento, venivano curati, tanto da permettere loro di arrivare fino a Santiago completamente guariti. Le guarigioni venivano così attribuite all'intercetazione di San Giacomo apostolo e ai frati Antoniani che in questo modo accrescevano la loro fama di guaritori, in tutto il continente.


Questo sito non ha fini di lucro e non fa uso di cookie di profilazione, ma è possiblile che utilizzi dei cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi. I cookie sono minuscoli file che, a seconda del sito che si sta visitando, vengono memorizzati nel proprio computer dal programma di navigazione internet che si sta utilizzando (Chrome, FireFox, Internet Explorer, ecc.) e vi rimangono per un periodo di tempo indefinito. Ci˛ permette di salvare le impostazioni e preferenze e di conseguenza ricordare i dati di login per facilitare la ricerca. I cookie per˛, a tutela della propria PRIVACY, si possono cancellare e/o disabilitare seguendo le informazioni inserite nelle funzioni avanzate del programma (browser) utilizzato per navigare e fare le ricerche in internet. Tutti i loghi, nomi e marchi commerciali e le immagini riprodotte in questo sito sono dei rispettivi proprietari
> webmaster: Oriano Rinaldo - www.pellegrinibelluno.it <

web counter